I numeri del Festival del Prosciutto di Parma 2011

Parma, 28 settembre 2011 – Si è riunito oggi presso la sede della Provincia il Comitato organizzatore del Festival del Prosciutto di Parma per condividere gli ottimi risultati raggiunti e per gettare le basi della prossima edizione.

La famosa manifestazione che, coordinata per il secondo anno da Fiere di Parma, ha animato dal 9 al 18 settembre la zona tipica di produzione del Re dei Prosciutti si chiude quindi con successo e registra numeri da record: oltre 100.000 visitatori, 1.000 i prosciutti affettati, 8.000 gli appassionati che hanno partecipato a “Finestre Aperte” di cui circa 500 hanno utilizzato il servizio navetta gratuito in partenza da Parma e da Fiere di Parma.

Il Teatro del Prosciutto di Parma che ha ospitato per dieci giorni eventi a carattere eno-gastronomico, artistici e musicali ha dato un notevole contributo con i suoi 9000 clienti, 1500kg di prosciutti affettati e oltre 300 partecipanti ai corsi e laboratori organizzati. La prosciutteria di Piazza Garibaldi ha avuto inoltre un momento dedicato alla solidarietà con l’iniziativa “Il Prosciutto buono” grazie alla quale 10 associazioni caritatevoli hanno ricevuto in dono del Prosciutto di Parma.

Buoni risultati anche per le visite al sito della manifestazione che si sono naturalmente concentrate nel periodo del Festival e nella settimana immediatamente precedente.

I visitatori sono stati circa 30.000 con una media particolarmente elevata di 4,39 pagine visitate a testa e un tempo di permanenza medio di 3 minuti e 35, il che conferma la corrispondenza del sito alle esigenze dei visitatori. Si ripete dunque l’ottima performance della precedente edizione che aveva già segnato un +100% rispetto al 2009 e migliorano ulteriormente i parametri qualitativi che misurano la permanenza sul sito e il numero di pagine visitate a testa.

Cresce l’interesse per il Festival anche per l’estero: rispetto all’edizione 2010, aumentano da 75 a 93 gli Stati di provenienza dei visitatori del sito. Facebook si conferma inoltre il canale privilegiato di dialogo con la stampa e i fan; grazie alle iniziative promozionali, post sugli eventi, video, gallerie fotografiche quasi 600  visitatori sono stati dirottati sul sito del Festival.

La stampa estera presente alla manifestazione ha dato poi un ulteriore slancio all’internazionalizzazione del  Festival che ha puntato quest’anno ad attrarre visitatori provenienti da tutto il mondo grazie anche alle presentazioni in anteprima presso l’Istituto Italiano di Cultura a Parigi e a Bruxelles presso il Parlamento europeo.

In più il Salone del Camper, che si è svolto nello stesso periodo, ha assicurato un’importante affluenza di visitatori per i quali è stato arricchito il programma con una serie di eventi di formazione e conoscenza turistico-culturale del territorio, sempre con specifici raccordi con il Prosciutto di Parma.

I promotori

Il Festival del Prosciutto è firmato da un comitato organizzatore composto dalla regione Emilia Romagna, dalla Provincia di Parma, dai Comuni di Parma e Langhirano, dal Consorzio del Prosciutto di Parma, dalla Camera di Commercio di Parma e dalle Fiere, cui spetta il coordinamento della manifestazione.

Il Comitato è affiancato dai Comuni di Calestano, Collecchio, Corniglio, Felino, Lesignano Bagni, Montechiarugolo, Neviano Arduini, Sala Baganza, Tizzano, Traversetolo, Varano Melegari. Il festival è realizzato con il contributo e il sostegno, oltre che del comitato organizzatore, di Unione Parmense degli Industriali, Cariparma - Crédit Agricole e Cna.

Vai alla galleria immagini del Festival